SEGUI La Zampata di Marco Giannini

sabato 2 ottobre 2021

Di Battista l'eroe dei due mondi col culo degli altri: denuncia gli oppressori all'estero ma non nel suo paese. E se fosse cittadino di quei paesi? Tacerebbe!

"I due eroi del grillismo sud-iota" (1/2): Dibba Er Garibaldi der Colosseo (con i cinghiali della Raggi al seguito).

Inauguro questa doppia rassegna che descriverà i due supereroi del grillismo d'accatto: Giuseppe Conte e Alessandro Di Battista detto Dibba ma conosciuto anche come "Tornah da Conte" e sottolineo il "da Conte" 😂 che manifesta come senza la Luce che rigenera (ovvero Conte), senza di essa, tu non conti un cazzo e non ti vota un cazzo nessuno. Bisogna capire ovviamente da quale buco, da quale parte del corpo di Conte fuoriesca questa luce ma intanto possiamo concludere che a Dibba piaccia!

Di Battista ha ignorato totalmente la folle dittatura sanitaria e, per evitare che la gente si accorga di questa paraculata, sta cercando in ogni modo di distrarre dal tema con i soliti argomentoni. Utilizza i soliti temi semplicistici (e sempliciotti) di facile impatto ma di difficile realizzazione tanto cari ai mantenuti del Reddito di Cittadinanza i quali, comodi in questa nuova realtà tutta sud-iota (leggasi Napoli e provincia senza generalizzare), non sono stimolati ad aprire gli occhi e difendere la propria Nazione. 

Diciamocelo. Ci siamo pentiti tutti di aver concesso questa forma di assistenzialismo (che però volevamo fatta diversamente), ci siamo sbagliati, perché per risolvere un problema abbiamo messo in crisi un valore, ovvero qualcosa di ben più alto rango. Questo valore è la Democrazia che mette in crisi, per smottamento, la Libertà.
Questi balordi, questi tifosi, arrivano infatti a credere al contrario, ovvero, al fatto che il Green Pass sia una distrazione! Questo gli racconta l'Eroe in questione. Del resto deve tornare in campo, deve farsi il suo reddito da barzellettiere politico. Vi prego: rimandatelo in Parlamento! Magari è la volta che ce lo togliamo dai piedi. 
Sì perché si deve essere più duri con personaggi del genere, con quelli che hanno fatto la loro fortuna sbandierando il valore del coraggio. Invece Dibba si è macchiato del solito ribellismo, quello alla Woodstock, quello radical chic, quello dei massimi sistemi, della canna da fumare e del "vedi io recito canto scrivo perché cioè son membro del collettivo" (Cit. l'altro parolaio J-Ax). 

Giudichiamo e diffondiamo questo pezzo che ben descrive questo aspirante pedina del sistema e facciamolo dopo che si pensa alle colate di merda e disinformazione dei media sulle cure domiciliari, dopo che si pensa a un vaccino sperimentale imposto (solo in Italia e Francia!) nonostante il Codice di Norimberga, dopo che si pensa a un obbligo che non serve a dare immunità di gregge e che doveva risparmiare in coscienza almeno i minori di 14 anni, dopo che si pensa a restrizioni che non sono altro che pro pandemiche, dopo che si pensa al risvolto liberticida del GP che spesso viene strumentalizzato per controllarti, per chiederti "chi sei" perfino nelle biblioteche all'aperto (per tutto questo vedasi qua e sulle biblioteche qua), dopo che si pensa a virologi che hanno utilizzato termini quali "sorci" che non si ascoltavano dalla Shoa.
Avete notato?
Di Battista è italiano e fa l'eroe del Venezuela, dell'Iran ecc trastullando queste tematiche straniere come fossero membri di cammello (tanto chi se lo incula laggiù, passatemi la parolaccia, credete che dia il minimo disturbo al sistema di potere di quei paesi?) ma se fosse iraniano o venezuelano sarebbe una docile pecorella di chi comanda. 
Ed il bello è che i M5s criticavano tanto Khalid Chaouki accusato di fare qualcosa di simile, ma non si rendevano conto del prodigio che detenevano in cassaforte (il Dibba).

Il romano si è rivelato così fedele ai dettami della pandemia farmaceutica che ha ottenuto il biscottino e la carezzina sulla testa dei tanto desiderati riflettori delle tivvì (tanti tanti! Strano eh!), quelli che aveva perduto, povera stellina, in favore di The Big Hole Giuseppe Conte.
 

Quest'ultimo adesso lo sovrasta come un gorilla dominante fa sulla scimmietta sottomessa (che immagine tanto eloquente quanto ridicola aha!). Dibba ha provato a divincolarsi per la "puzzetta in faccia" che aveva ricevuto (doveva toccare a lui dopo Di Maio) ma alla fine ha ceduto e cederà fino in fondo! Tornerà da Conte e gli farà da paggetto. Lo so, ci saranno i grilloidi a applaudire ma loro due (e il contorno di vassalli) sapranno che questa sarà la realtà, quasi un archetipo junghiano, e se la rideranno! 
Sì perché se la tua base è composta da creduloni il migliore vince e il migliore è quello che li sa prendere per il naso meglio! Il "migliore" dei due è quindi Conte l'onestoh (che sarà votato in massa nel Sud-iotismo)! Per questo lo descriverò col prossimo pezzo merita di essere protagonista del finale! 

Almeno a questo il Green Pass è servito: ha svelato l'ultimo finto "golden boy" della famosa sfornata di Beppe Grillo (finita penosamente) che non fu altro che un piano di restyling del progressismo global correct. A fine primo decennio il PD americano sapeva che il PD italiano avrebbe perso consenso imponendo il rigore nel decennio successivo e, da Washington, dovevano costruire un partito progressista credibile perciò diverso, da somministrare agli italiani. Doveva essere un movimento che facesse rientrare dalla finestra i delusi di sinistra usciti sbattendo la porta, cercando anche di captare qualche ingenuo di destra canalizzandolo attraverso la critica alla casta e mediante lo slogan "né di destra, né di sinistra" (Fatemelo dire: meglio il PD tutta la vita di questi qua. Questi qua è bene che tornino da dove sono venuti). 

Una volta definii Di Battista come Che Guevara col culo degli altri perché mentre criticava il Franco CFA, leggasi Troika sponda francese, difendeva l'euro, ovvero una delle creature più dannose della Troika sponda franco-tedesca: lo avevo "sottovalutato". Ha fatto pure peggio.

Dopo questa fase Di Battista poteva prendere due direzioni.
a) Provare a scardinare un sistema palesemente marcio che si è scatenato definitivamente con la pandemia. In questo caso avrebbe trovato molti compagni di viaggio sebbene minoranza, avrebbe dovuto faticare, rischiare di restare fuori dal Parlamento ma sarebbe stato ricordato per sempre ed avrebbe comunicato ad una base informata.

b) Oppure poteva prostrarsi a Conte "pochette" rifacendo la pantomima del "guerrieroh" (con "h" d'ordinanza) nell'immaginario bambinesco grilloide (ed in questo meccanismo imbecille e tifoso svolge un ruolo fondamentale il Reddito di Cittadinanza). Pensate che simili osservazioni le rivolgevo a Renzi. Ma nonostante che Matteo Renzi sia stato l'uomo che ho criticato di più in vita mia, si è rivelato umanamente più uomo di Di Battista staccando la spina a Giuseppe Conte e liberandosi della sottomissione più ridicola della storia (che presto il "Guerrieroh" erediterà).
E proprio per quanto riguarda Giuseppe Conte, attendetevi il prossimo pezzo della serie "I due eroi del grillismo sud-iota".

Ps: se vi state chiedendo cosa c'entrino Travaglio e Scanzi...cercate di indovinare.
Marco.










12 commenti:

  1. Ma veramente perdi ancora tempo con quel buffone? Con quel sorriso a 100 denti da actor studio?!
    Non e' nessuno, e solo un miserabile pagliaccio che non conta nulla se non per te che ancora ne parli dandogli un'importanza che non ha, e' soltanto il nulla, un pezzo di merda inutile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accolgo questa critica con felicità. In realtà non è importante per me ormai sono anni luce da lui. Sta cercando di essere creduto, di canalizzare, di disinformare e se da un anno replico a osservazioni come la tua (oneste), ovvero perché ne parlo, è perché avevo capito che lo avrebbero usato per canalizzare.
      Lo stanno usando per canalizzare. E non crediate che solo gli stupidi gli vadano dietro.

      Elimina
    2. La mia non era assolutamente una critica nei tuoi confronti, anzi, ma questo tu lo hai capito, ma soltanto un ribadire quello che i cervelli pensanti hanno capito da un pezzo.
      Io di quel personaggio viscido e schifoso ho qualche chicca, mail inviate a lui in tempi nn sospetti da parte mia riguardanti le slot, la lottomatica e i monopoli, gia' allora avevo capito che razza di merda venduta era il signorino.
      Questo per chi ancora pensi che la sua sia stata una trasformazione avvenuta nel tempo....errore, il bastardo era un viscido venduto fin dai primi tempi.

      Elimina
    3. Lo so che non è una critica. Io gli ho creduto due volte qua sono stato più lento. Comunque ne scrivo perché sono sicuro che cercheranno di associarlo a Conte per prendere per il naso gli italiani. Ormai hanno capito che in politica conta non ciò che sei, ciò che fai ma solo ciò che viene comunicato, ciò che appare. Ciò che APPARI. Io sto riuscendo a far capire alle persone che Dibba è un fake. Ovviamente io non arrivo a tutti, arrivo a pochi. Solo con alcuni pezzi sono arrivato a decine di migliaia di persone col mio blog personale. Non ho la visibilità di un tempo. Ho pagato il mio essere coerente rispetto a Editori ridicoli e non me ne pento anzi ne vado fiero. Se tutti facessero come me però, stai tranquillo che il Bomba dei due mondi (Dibbah) farebbe poca strada.

      Elimina
    4. Se Conte è un politico falso e portapantofole dei poteri forti, un signor nessuno che a forza di leccare (metaforicamente) sederi (Merkel) a spese degli italiani spera di fare strada, farsi agganci (vedasi il debito Recovery Plan spacciato per a fondo perduto, peccato che questo "fondo" lo paghiamo noi) ed ora cerca di apparire autorevole, Dibbah è una scorreggia (politicamente) di Conte.

      Elimina
  2. Occhio (unico appunto) con le offese perché potrebbe denunciarti. Io non censuro ma se me lo chiedesse il diretto interessato dovrei farlo per forza di legge. Comunque se vuole può replicare tanto so che mi legge.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io vivo in Olanda da molti anni sono un imprenditore, e mi farebbe proprio piacere trovarmelo di fronte in un tribunale, i tipi come lui o non rispondono, a domande precise, oppure querelano, tipico dei codardi, de visu l'atteggiamento sarebbe molto diverso credimi

      Elimina
  4. comunque grazie per l'avvertimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta gente non vale nulla. Nulla. E Peppe Krillo è un delinquente.

      Elimina
  5. Scusami ti sembrero' ripetitivo, ma vorrei chiederti una cosa. Perche' questi personaggi, se attaccati non si confrontano mai, lo stesso vale per quel guitto di grillo, quando gli fai delle domande dirette, precise, semplicemente ti ignorano, se una persona si sente accusata, normalmente si fa avanti per chiedere spiegazioni , o sbaglio?, sai quante volte ho cercato di contattarlo per questioni molto importanti riguardanti la lottomatica e i monopoli,(io sono del settore, e non puoi neppure immaginare cosa ci sia sotto), evasioni, corruzione, tangenti, apparecchiature truccate false percentuali, mafia nella gestione delle concessioni, connivenze con i peggiori soggetti della criminalita' organizzata, spartizione dei soldi evasi, con la benedizione dello stato, informato di queste cose e chiedendo di poter parlare con lui, nulla silenzio, poi come si dice a pensar male si fa peccato, e poi adesso perche gli do del codardo o del colluso improvvisamente si ricorda di me e mi denuncia?
    Tu come la vedi?!

    RispondiElimina
  6. Figuriamoci. Non credo Grillo si metta a denunciare nessuno.
    Sa benissimo cosa ha combinato. E' ricchissimo e non gliene frega niente. Secondo me lui aveva la sua missione ovvero ricreare il PD fornendogli i voti dopo 7 anni di rigore. Ci è riuscito. Il suo scopo era questo ed è anche il motivo per cui non risponde: non gliene frega niente.

    RispondiElimina

Trieste: il nazismo da anni tanto caro a Draghi ha vinto.

E qualcuno crede ancora che il Green Pass sia un discorso sanitario... Stanno solo testando fino a che punto siamo addormentati democraticam...